"Cantoni, Regioni, Comuni, enti territoriali, qualsiasi il nome ad essi 
attribuito, non vivono vita sana e feconda se non hanno entrate proprie, 
autonome, nate e volute e patite dai contribuenti locali in aggiunta e non 
in sostituzione delle imposte statali; né debbono vivere di elemosine 
largite dallo stato."
 
EINAUDI

 

Fiumi puliti, più sicurezza: il progetto a costo zero della Giunta può partire

AddThis Social Bookmark Button

 

Nell’ambito della discussione del collegato al bilancio di previsione 2011, sono state approvate le “disposizioni per la programmazione degli interventi di gestione dei sedimenti delle aree fluviali”, provvedimento attraverso il quale si dà il via libera definitivo all’azione regionale indirizzata alla messa in sicurezza dei corsi d’acqua. La Regione Piemonte, dopo l’approvazione di tale articolo, può partire con una programmazione definita: in primo luogo sarà effettuata nei prossimi mesi una mappatura dei fiumi distribuiti sul territorio presso i quali le condizioni di sicurezza sono maggiormente compromesse. In seguito a questo primo stadio si comincerà con le operazioni di estrazione di ghiaia e sedimenti in eccesso dagli alvei, principale causa di esondazioni.

Ditte estrattrici insediate sul territorio verranno incaricate di intervenire nell’ambito dei letti dei fiumi considerati ad alto rischio: le imprese impegnate nelle operazioni, oltre ad effettuare l’intervento, saranno tenute ad erogare un contributo a favore della regione (ancora da stabilire) conseguente all’abituale riutilizzo del materiale estratto dall’alveo.

Tale formula, condivisa dalle ditte del settore precedentemente contattate, permette di mettere in sicurezza un territorio frequentemente piegato da eventi calamitosi, pericolosi per i cittadini e dannosi per l’attività agricola.

 

 

Assessore Regionale all’Agricoltura Claudio Sacchetto:“Ho seguito da vicino il percorso di questo progetto, oggi l’obiettivo della nostra Giunta  è diventato realtà e il lavoro può cominciare concretamente. Ringrazio l’Assessore Ravello per l’impegno profuso in questa direzione, tenacia che ha permesso di raggiungere il risultato: senza l’ostruzionismo il provvedimento poteva essere licenziato in tempi brevi. Ritengo il provvedimento importantissimo innanzitutto per la sicurezza dei cittadini del Cuneese, provincia che, dopo l’Astigiano, rappresenta l’area storicamente più soggetta ad alluvioni. Altrettanto importante è la tutela dei campi destinati ad attività agricola: in primo luogo perché le esondazioni spesso danneggiano mesi e mesi di lavoro, in seconda istanza perché ricavando materiale ghiaioso dai fiumi, si evita di sottrarre terreni a vocazione agricola per tramutarli in siti di estrazione. Il provvedimento si impreziosisce ulteriormente se consideriamo che come Giunta riusciremo ad avviare questo progetto senza gravare sulle casse regionali anzi, traendone alcuni ricavi.”

 

 

 

 

____