I leghisti cuneesi a Pontida con Salvini lanciano la campagna del No al referendum

AddThis Social Bookmark Button

 

Afferma Giorgio Bergesio, Segretario Provinciale Lega Nord Cuneo 'Presto saremo in molte piazze della Granda per sostenere il nostro voto all'appuntamento referendario'"Se qualcuno pensa che il futuro della Lega sia ancora quello di un partitino servo di qualcun altro, di Berlusconi o di Forza Italia, ha sbagliato a capire. Noi non saremo più schiavi di nessuno. Noi accordi al ribasso non ne faremo con nessuno" così Matteo Salvini apre così il suo intervento conclusivo a Pontida. La Lega Nord è tutta presente con la sua storia : quella delle origini di Umberto Bossi che non vuole abbandonare il sogno secessionista; quella di Roberto Maroni e Luca Zaia e quella nazionalista e antisistema di Matteo Salvini.Un evento a cui hanno preso parte tanti cuneesi guidati da Giorgio Bergesio, Segretario Provinciale Lega Nord Cuneo: "Giornata ricca di emozioni con numerosi interventi di contenuto importante e qualificato. Da Bossi a Calderoli, da Zaia a Maroni, i parlamentari europei, nazionali e tutti i segretari Nazionali.Salvini ha parlato  con passione e determinazione per oltre un ora e 10 minuti dettando le linee guida di Governo della Lega Nord. Ricevendo mogli applausi! Siamo convinti che la linea indicata se avremo i numeri per governare ed applicarla avrebbe risultato importantissimo per tutti.I cuneesi sono rimasti tutti entusiasti e molto soddisfatti!"

Tra gli interventi spicca Roberto Calderoli, arrivato sul palco con torta e venti candeline a simbolo dell'anniversario della Padania. "L'articolo 1 l'ho scritto io e finché sarò in vita rimane com'è", spiega il vicepresidente del Senato, con riferimento al primo capoverso dello Statuto leghista che cita l'indipendenza della Padania come obiettivo fondativo.

"La giornata di oggi - conclude Bergesio - è fondamentale per promuovere il NO al referendum costituzionale e per mandare a casa un Governo la cui attività è sempre più deleteria. Invitiamo quindi tutti i cuneesi a partecipare numerosi alla nostra iniziativa che presto ci vedrà in molte piazze della Granda".